Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2009

Ce l’ho fatta. L’anno critico è passato. Sono ancora intero. Spero di continuare così ancora a lungo.
Per ora, buon compleanno a me.

Annunci

Read Full Post »

“I have a life”

E’ la risposta a un sms che ho ricevuto ieri dal mio collega. Aveva pienamente ragione.
Anche perchè dopo aver passato la giornata a farci massacrare dai nostri clienti, che erano molto scontenti, e cercare di difendere ciò che non era difendibile, tentare di dare risposte che non competeva a noi dare, posso capire la mancanza assoluta di voglia di partecipare a riunioni il cui unico scopo era quello di cercare giustificazioni e assicurarsi che queste venissero accettate e credute.
Ieri, per l’ennesima volta, c’è stata l’applicazione della modalità Alitalia: privatizzazione dei successi e condivisione degli errori. E guai se si cerca di far notare che alcune cose competono solo a poche persone, perchè si passa per quelli che vogliono puntare il dito.
Peccato che noi abbiamo preso le mazzate, i rimbrotti, le lamentele per cose che non abbiamo fatto noi!
In più, il vecchio refrain di una risposta data in un certo momento, cambiata di botto quando a chiederla sono altri…
Comunque, la settimana è quasi finita, per fortuna. Speriamo che tutti capiscano che si vuole arrivare a una soluzione, ma che non piace a nessuno che si cerchi di scaricare sugli altri i propri errori. Ci sono stati, amen.
Ma ricordiamoci che siamo tutti dalla stessa parte. E dovremmo esserlo sempre.
Certo, “Animal Farm” spiegava che ci sono uguali e uguali…

Read Full Post »

Riunioni

Oggi ho sperimentato una nuova versione delle riunioni di lavoro.
Domani verrà un cliente che si preannuncia insoddisfatto, con il chiaro intento di ottenere risposte in tempi brevi e soluzioni in tempi ancor più brevi.

Durante la discussione, ho osato chiedere se fosse possibile avere prima dell’incontro di domani tutto il materiale inerente il progetto dagli altri reparti. Domanda posta in modo tranquillissimo, come se avessi chiesto cosa ci fosse per pranzo.

Evidentemente sono quasi tutti a dieta. Subito a mettere in chiaro che il lavoro è stato fatto come richiesto, che tutte le fasi sono state controllate e approvate da tutti (…), abbiamo fatto meglio che potevamo, ecc. ecc.

Allora, per pacare gli animi, ho ribadito solo che la mia richiesta veniva dall’esperienza di un precedente incontro (noto a tutti) nel quale il materiale che avevo chiesto io era stato caldamente desiderato dallo stesso cliente. E di nuovo, a dirmi di stare calmo. Naturalmente ho cominciato a innervosirmi, anche perchè non mi è stato possibile finire la frase per ben quattro volte. Tuttavia ho solo alzato leggerissimamente la voce per spiegare perchè avevo chiesto quel materiale. Più tardi ho fatto un’altra proposta, ma penso che solo una persona l’abbia ascoltata.

Un’ora o due dopo, in ufficio, il capo mi ha detto che non devo fomentare gli altri, che abbiamo bisogno della loro collaborazione e che ha dovuto intervenire per evitarmi di litigare. In pratica, ho sbagliato io e epiteti e ammenicoli vari. Mi sono limitato a far notare che avevo chiesto una cosa semplicissima, e che mi ero alterato perchè se vengo interrotto di continuo penso che chi lo faccia manchi di educazione. Questo andava bene, ma comunque ho sbagliato io.

Considerazione finale: alle prossime riunioni cercherò di stare zitto il più possibile. Ci provo, ma sarà difficile, soprattutto se ci si aspetta che io dica qualcosa su quello che si è fatto o c’è da fare. E’ un po’ dura dire qualcosa stando zitto. Ma la verità, si sa, brucia…

Read Full Post »

Pioggia

E come volevasi dimostrare, oggi ha piovuto. Domani la macchina sembrerà di nuovo zozza…

Read Full Post »

Lavaggio auto

Oggi ho deciso che era ora di dare una lavata alla macchina. La neve e il maltempo l’avevano zozzata non poco. Non mi piaceva vederla così sporca.
Allora stamattina ho deciso di andare al lavaggio a Solaro. Naturalmente, come me altre 500 persone hanno avuto la stessa idea, visto che c’era il sole.
Dato che era già tardi, ho deciso di tornare nel pomeriggio. Poche persone, stavolta.
Forse anche perchè il tempo nel frattempo è cambiato. Ma non importa, ho deciso che oggi si lavava la macchina, e oggi si lava la macchina.

Prendo un bel po’ di gettoni, in modo da averne almeno uno per “operazione”, ma per quasi tutte due. Passo un bel po’ di tempo nella piazzola, sciaquo, sfrego con la spazzola, sciacquo ancora, rifrego con la spazzola, sciacquo, incero, passo l’acqua osmotizzata e guardo: sembra pulita.
Esco dalla piazzola e vado più in là per asciugare. Apro il cofano per prendere il panno e prima incazzatura: il panno non c’è più. Ma dove ca$%($%)$ è finito? L’ho appena comprato! Cerca,gira, sposta (tra l’altro poca roba) ma niente: il panno non salta fuori.
Mi devo arrangiare con la carta assorbente che mi sono portato da casa, insieme con un poco di alcool per pulire dentro.
Sfrega, lucida, passa bene i vetri se no non si vede un tubo, e nel frattempo la carrozzeria comincia ad asciugarsi.

Ma cosa sono quei segni? Terra? Come è possibile? Sono stato venti minuti nella piazzola a spruzzare e a sfregare, dall’alto al basso, dal basso all’alto, da destra a sinistra, da sinistra a destra, in diagonale, a cerchio, rombo, eptadecagono e ancora le portiere in basso sono sporche?

Chi devo chiamare, Mastro Lindo?

Amen, torno a casa, il tempo si sta ulteriormente annuvolando. Con la mia fortuna, domani piove.

Read Full Post »

Dieta

Sarebbe necessario, passate le feste, mettersi a dieta. Un po’ di pancetta c’è e deve sparire. Anche perchè le ginocchia protestano.

Ma c’è un problema. O meglio, più di uno.

Al lavoro, per il nervosismo o la noia (per il tipo di cose che si fa, non perchè non si ha nulla da fare, cose da fare ce ne sono…), ci scappa la caramella (aspetto a breve una chiamata dalla Haribo per scoprire la targa che mi hanno dedicato come benefattore), il biscotto, il grissino…

La mensa è molto buona, e anche prendendo solo un primo o un secondo con l’insalata si mangia comunque parecchio.

A casa, a cena, cerchi di restare leggero. Cerchi, perchè poi mangi lo stesso.

Aggiungiamoci che io sono cioccolato dipendente e il quadro è fatto…

Come fare? Al cioccolato non rinuncio. Accetto consigli.

Ah, lasciamo stare per favore consigli sulla ginnastica, nuoto, ecc. In questo momento sono troppo pigro. Finchè il tempo non migliora, non se ne parla!

Read Full Post »

Fine delle ferie

Sto per scrivere qualcosa per cui verrò giudicato pazzo. Sono contento che le mie ferie siano finite. Mi piace stare a casa, per carità, ma detesto annoiarmi. E non avendo niente da fare, mi annoio. Passando dal letto al divano e di nuovo al letto, mi sono procurato un bel mal di schiena da “dolce far niente”.

Diciamo anche che l’inverno non è che faccia venir voglia di andarsene a zonzo, perciò mi si chiude anche un’opportunità di svago. Per fortuna oggi c’è il sole, è una bellissima giornata e almeno questo ha risollevato il morale. Il tempo di ieri lo detestavo. La neve va bene, adoro osservare i fiocchi che cadono, ma le giornate grigie, uggiose, piovose, le detesto proprio.

Mi ci vuole un po’ di moto, come anche ritornare a fare qualcosa durante il giorno. Quando sono a casa la pigrizia più totale mi assale e di fatto non combino un tubo. Per carità, mi sono letto un paio di libri, diversi fumetti, ho passato parecchie ore su internet, cercando un po’ di informazioni su argomenti che mi interessano, però è ora di rimettersi a fare qualcosa. Anche perchè a furia di non fare niente, si ingrassa. Le ginocchia me lo ricordano…

Read Full Post »

Older Posts »