Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2011

Luna

Dopo circa diciott’anni, la luna è di nuovo al suo perigeo, ossia il punto più vicino al nostro caro pianeta.

Mi sarebbe piaciuto fare una bella foto della luna piena, per cui avevo chiesto a mio cognato il suo teleobiettivo, per riuscire a fare una foto migliore.

Ma…tanto per cambiare piove.

Non ricordo come mai diciotto anni fa non ho fatto delle foto, con il telescopio. Probabilmente sarà stato nuvoloso anche allora, visto che all’epoca ho fatto parecchie foto sia alla luna che al sole, usando il telescopio e l’adattatore per la macchina fotografica.

Vabbè, ne riparliamo tra altri dicotto anni…

Grrr…

Annunci

Read Full Post »

Andora, marzo 2011.

[click su ciascuna foto per ingrandire una volta e poi click nuovamente per ingrandire ancora]

Read Full Post »

Viva l’Italia

Read Full Post »

4.30 AM

Ormai è una costante. Da circa 2 settimane mi sveglio a quest’ora, minuto più, minuto meno.

Perchè? Mah…

Sicuramente ho tante cose che mi frullano per la testa. In particolare tante decisioni da prenderee scelte da fare.

Se è vero che nei sogni il nostro inconscio è libero di esprimersi senza freni, allora il mio inconscio è incasinato pure quando potrebbe fare tutto con ordine, visto che faccio sogni contraddittori (almeno quelli che ricordo).

Ho ben presente che una cosa è quello che si vuole e altro è quello che si può avere.

Non sono il tipo che cerca di mettere insieme botte piena e moglie ubriaca, anzi, sono sempre stato un convinto sostenitore che è necessario cercare di essere, fare, avere quello che si può realisticamente essere, fare, avere.

Un po’ di sogno c’è, ma senza lasciarsi andare a voli pindarici.

Qualcosa si è mosso al lavoro e ne sono contento. La misura completa di questo “movimento”  l’avrò solo a fine mese, ma a me per ora va bene così.

Ho anche notato che qualcuno invece non sembra proprio contento di questo movimento. A domanda diretta ho percepito un’esitazione nella risposta, come se si stesse cercando, in quell’attimo, la giusta maniera di dare la risposta che si pensava volessi ricevere. Potrei essermi sbagliato, ma fino ad adesso sono stato un buon interprete delle persone. In ogni caso, c’è poco che io possa fare. Ho sempre sostenuto di non essere il solo che avrebbe dovuto essere valutato di più e che fosse necessario chiedere, perchè dall’alto non arriva niente per “motu proprio”.

A parte questo, c’è anche la vita fuori dal lavoro.Le prossime elezioni comunali, per esempio. La campagna elettorale è di fatto iniziata e dovrò impegnarmi anche lì, se voglio provare (vale il discorso di sopra, posso impegnarmi per un risultato realistico) a raccogliere qualche voto che mi porti in consiglio comunale. In ogni caso, se anche non accadesse, non sarebbe un problema. L’importante è che il nostro candidato venga scelto.

E altro…che forse rappresenta IL discorso.

Read Full Post »