Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for giugno 2011

Parigi

La settimana scorsa, da mercoledi a domenica, ero a Parigi per lavoro. Da mercoledi  a venerdi sono stato al salone di Le Bourget dove la ditta aveva uno stand.

Il salone è sempre lo stesso, solo quest’anno un po’ più povero. Molti stand infatti erano abbastanza scarni e a differenza degli anni passati in pochi distribuivano penne o altri gadget.

Abbiamo preso qualche contatto, qualcuno sembrava interessato ai nostri prodotti, perciò vedremo se riceveremo qualche richiesta in futuro.

La peculiarità di questa trasferta sono stati i viaggi, in particolare quelli tra l’albergo e il salone.

Il primo giorno, arrivato sotto il dulivio, sono andato in albergo a lasciare i bagagli e sono tornato immediatamente in treno al Salone. Tutto bene, solo un po’ di gente sul bus tra la stazione e l’aeroporto.

Al ritorno, tutta un’altra storia. Il collega che guidava aveva in mente una strada alternativa, ma una volta presa l’uscita dall’autostrada siamo rimasti bloccati a causa di un concerto (pare) dei Black Eyed Peas. Perciò abbiamo iniziato un lungo giro per le banlieu parigine, scoprendo luoghi inimmaginabili. Io e un altro collega abbiamo “allietato” con battute e qualche sberleffo al guidatore il viaggio. La proprietaria e la madre, in macchina con noi,  pare si siano divertite un sacco.

Il giorno dopo viaggio in treno, i colleghi hanno appuntamento altrove. Tutto bene, ma il bus tra la stazione e l’aeroporto è più affollato di una scatola di sardine. Dopo mezz’ora riusciamo a convincere l’autista ad aprire le porte e farci proseguire a piedi. Il ritorno è tranquillo.

Venerdi mattina nuovo viaggio, con altri colleghi. Anche questa volta non guido io e il collega che dice di sapere la strada decide di fare una capatina a Calais, per vedere come è il tempo laggiù. Ovviamente ha sbagliato strada, ma riusciamo ad arrivare con un ritardo contenuto.

La giornata (ultima per me al salone) scorre tranquilla e riesco a fare qualche filmato delle esibizioni aeree.

Sabato giornata libera, ma il tempo è inclemente. Molto nuvoloso e freschetto. Quando viene fuori il sole però fa caldo. Andiamo a Notre Dame, ma la basilica è chiusa fino alle 16.30 per ordinazioni sacerdotali. Quando riusciamo ad entrare, un’ora dopo ci dicono che la salita alla torre quel giorno terminava alle 17 anzichè alle 18. Vabbè.

Domenica giornata bellissima, al mattino un giretto a Montmartre, con i tanti artisti che dipingono nella piazzetta, e una visita al museo Dali. Carino.

E’ già ora di prendere il treno per l’aeroporto. Tutto tranquillo? Magari…Il treno che dovrebbe essere diretto (a quanto dicevano i monitor) fa tre fermatee poi sta fermo, senza alcun annuncio comprensibile. Mi arrischio a chiedere a due addette che continuavano a salire sul nostro treno e scopro che quello si sarebbe fermato lì e bisognava cambiare binario. Grazie per avercelo detto…

In aeroporto siamo in compagnia di un passerotto in sala d’attesa. C’era anche due anni fa. Che viva lì? Quando è ora di imbarcarsi scendiamo in una stanza che è più piccola della camera d’albergo, ma qui siamo in 150 persone. Un po’ di persone accusano malesseri per il caldo. Dopo mezz’ora ci dicono che l’aereo è in ritardo e partiremo un’ora dopo.

Finalmente l’aereo arriva e partiamo. Il pilota deve aver consumato un po’ di più, visto che all’arrivo abbiamo recuperato una ventina di minuti. Che impiego per raggiungere la macchina al parcheggio.

Poi a casa, doccia e pizza nel microonde e nanna.

Ieri al lavoro e in serata il consiglio comunale. Ma questa è un’altra storia, raccontata qui.

Read Full Post »

Adesso è ufficiale

Oggi è stata fatta la proclamazione del nuovo Sindaco, Raffaele De Luca, e del nuovo Consiglio Comunale di Limbiate.

 

Read Full Post »